Iscrizione:

|
Facebook RSS
08
10
OLTREPO' PAVESE: VARZI E ZAVATTERELLO

OLTREPO' PAVESE: VARZI E ZAVATTERELLO

07:30

Dettagli
Esiste un posto nel nord Italia in cui sembra quasi di trovarsi in Toscana: arroccati fra le colline, immersi nella vegetazione lussureggiante, con la possibilità di assaporare del buon cibo genuino e bere dell’ottimo vino in borghi medioevali che si sono conservati intatti nel corso del tempo. A pochi chilometri da Pavia e da Milano, l’ Oltrepò Pavese sorprende con aria pura e un paesaggio inusuale per quest’area del “bel paese”, conquistando col suo fascino defilato ma ugualmente mozzafiato.
30
06
E ...STATE CON NOI

E ...STATE CON NOI

20:45

Dettagli
Se volete trascorrere una serata sotto le stelle, torna la manifestazione E...STATE CON NOI. Tre appuntamenti imperdibili per cantare, sognare, rilassarsi in compagnia.Vi aspettiamo!
11
06
ARQUA' PETRARCA E I COLLI EUGANEI

ARQUA' PETRARCA E I COLLI EUGANEI

06:45

Dettagli
Una splendida uscita in Veneto alla scoperta di tre borghi antichi: Arquà Petrarca, Este e Montagnana
07
06
TUMORI AL FEMMINILE

TUMORI AL FEMMINILE

20:30

Dettagli
un importante momento di informazione sulla salute della donna, non mancate!
04
06
MERCATINO ARTE & CULTURA

MERCATINO ARTE & CULTURA

09:00

Dettagli
Sperando che il caldo non vi fermi... vi aspettiamo in piazza col mercatino e il Passalibri!
Vedi tutti gli eventi

LA PRO LOCO AD AMATRICE

ENOGASTRONOMIA: AMATRICE, IL 27 MARZO LA “VIA DEL SOLE”
23 MAR 2011

(AGI) – Roma, 23 mar.- Enogastronomia e storia ad Amatricia il 27 marzo. “Sfidanti e scudieri della Via del Sale, siamo riuniti in Solemnia Sacra nell’antica Ma-Tru’, centro della storica strada preromana che univa l’Urbe da Porta Collina a Castrum Truentum nel Piceno, per osservare il giuramento che onora lo spirito di fratellanza e rispetto che unisce le nostre tradizioni. Popolo della Via del Sale, l’onore e’ in ballo?acclamate con la vostra voce i Vostri eroi, sciogliete le briglie ai Somari e che sia dato inizio al Palio!”.
E’ con questi versi ironici e gagliardi che si conclude da 8 anni a questa parte lo “Ius Iurandi”, il giuramento che, ad Amatrice, l’antica Ma-Tru’, precede la Corsa degli asini-sindaci dell’antica via del Sale, la Salaria, appunto.
E sono infatti i paesi della zona, limitrofi o storicamente amici di Amatrice, a partecipare, assieme ad Amatrice, appunto, alla competizione del prossimo 27 marzo: una corsa a briglia sciolta in sella a un somaro che, su una cravatta, porta il nome del sindaco del proprio paese. Ecco, dunque, perché il Palio degli asini-sindaci. Che sia un evento di gran fascino e, al contempo, divertente che e’ andato via via conquistando la scena, non lo dice solo la gran quantità di gente che si riversa per l’occasione nel paese. Amatrice ha creato, per questo avvenimento, un vero e proprio Somarodromo. Ed e’ lì che, in un giro e mezzo, gli asini-sindaci e le corrispondenti Pro Loco, fra lazzi e scherzi si giocano l’onore e la reputazione. All’ultimo arrivato tocca, infatti, il temutissimo campanaccio. A sancire, ironicamente, il disonore.Nato per gioco 9 anni fa per rispolverare un vecchia tradizione tipica delle zone montane, il Palio dei Somari ha finito per attirare nella cittadina ai piedi del maestoso fondale della Laga migliaia di persone che in un coinvolgente clima da stadio fanno il tifo per questo o quell’asino-sindaco durante le batterie di qualificazione, le semifinali e la finale. La manifestazione, che inizia con un coloratissimo corteo – che si snoda per le vie del paese – di 500 figuranti in costume provenienti dai paesi dei dintorni ha il suo culmine al Somarodromo dove il corteo giunge per dare il via alla corsa. Non prima di aver benedetto gli asini-sindaci nel Benemerito Istituto Padre Giovanni Minozzi e di aver eletto la prima dama del Palio. E, alla fine, tutti a tavola per gustare bruschetta e polenta cucinate, come ogni anno, dalle Proloco di Casaprota e Castel di Tora. Ma per quest’anno sono previsti “due invitati speciali” al pranzo del Palio. Il primo e’ il Prosciutto IGP di Amatrice “Indicazione Geografica Protetta” che riconosce e protegge la semplicità e genuinità con cui da sempre si fa il prosciutto a in questi luoghi. Il secondo è il Gorgonzola che viene portato in tavola dall’omonima proloco.

+Copia link

Lascia una risposta

Occorre aver fatto il login per inviare un commento