Iscrizione:

|
Facebook RSS
06
04
Mercatino di Aprile

Mercatino di Aprile

09:00

Dettagli
E saremo ancora una volta in piazza Italia col nostro Mercatino ed un magnifico piatto di penne, pomodoro e ricotta! A presto!!!!
19
04
BUONA PASQUA

BUONA PASQUA

00:00

Dettagli
Che sia per tutti voi una Santa Pasqua di pace e serenità! Pro Loco Gorgonzola
04
05
Mercatino Arte e Cultura

Mercatino Arte e Cultura

09:00

Dettagli
E continua la nostra proposta della prima domenica del mese con tantissimi espositori, il Passalibro, la Coldiretti e a mezzogiorno un fantastico risotto con fragole e Franciacorta. Vi aspettiamo!!!!
11
05
CANDELO IN FIORE

CANDELO IN FIORE

07:15

Dettagli
Tra le rue del Ricetto di Candelo, all'ombra delle mura e delle antiche torri, ritorna l'evento che unisce le atmosfere medioevali del borgo alla colorata bellezza degli allestimenti floreali. E noi ci saremo! Vieni anche tu?
11
05
FAI - La Via Lattea

FAI - La Via Lattea

10:30

Dettagli
Esperienze uniche a Km Zero nelle campagne intorno a MIlano: questa domenica Stelle e Stalle lungo il Martesana. E nell'area ristoro della Pro Loco in Piazza della Repubblica, il nostro punto ristoro con risotto allo zola e penne al pomodoro. Vi aspettiamo!
Vedi tutti gli eventi

Uscita a Borghetto di Valeggio

07 settembre 2014
Dalle ore 07:30 alle 09:30
Presso: stazione metropolitana, Piazzale Europa, -

Ultimi giorni di preparazione anche per l’uscita a Borghetto di valeggio.

Certificato come uno dei più bei borghi d’italia Borghetto merita una visita . Ecco qualche informazione in più:

Borghetto, toponimo di origine longobarda che significa “insediamento fortificato”, è il nome del primo abitato sorto nei pressi del punto di guado del fiume Mincio.

Valeggio significherebbe “luogo pianeggiante”, anche se la tradizione, in modo più suggestivo, riferisce il toponimo a Vale dium, “Valle degli dei”.

La storia di Borghetto è quella di un punto di passaggio importante e di una zona di confine contesa da opposti eserciti.

Il guado del Mincio era il più comodo e sicuro a sud del lago di Garda, e il fiume una barriera naturale, nei secoli, tra le terre del mantovano e quelle del veronese, in una zona di frontiera presa di mira da signorie ed eserciti che qui avevano i loro appetiti: i Gonzaga, gli Scaligeri, i Visconti, la Serenissima di Venezia, l´Austria, la Francia.

Hanno plasmato questi luoghi anche le battaglie napoleoniche e, soprattutto, quelle risorgimentali: eppure, il verde serpente del Mincio che qui si snoda per le campagne, rivela un´Arcadia insospettabile, suscita rêveries senza fine.

Il paesaggio è immobile, perenne, senza tempo e ci riporta al nostro bisogno di sorgenti, alle nostre fonti, come in ogni mito fluviale in cui acqua e sogni si confondono. Passeggiare a Borghetto di sera per vedere un tramonto sul Mincio, o quando la nebbia confonde i contorni delle case facendo affiorare solo i merli ghibellini, è come naufragare in un medioevo immaginario.

Borghetto è solo questo pugno di case, un antico villaggio di mulini in completa simbiosi con il suo fiume. Un idillio fluviale, con i tre antichi mulini che sembrano nascere dall´acqua.

Il Ponte Visconteo, straordinaria diga fortificata, costruita nel 1393 per volere di Gian Galeazzo Visconti, è stato definito un “check-point d´antico regime”. Lungo 650 m. e largo 25, ultimato nel 1395, era raccordato al sovrastante Castello Scaligero da due alte cortine merlate e integrato in un complesso fortificato che si estendeva per circa 16 km.

Il Castello dalla sommità della collina continua a dominare con le sue torri la valle del Mincio.
Della sua parte più antica resta la torre Tonda, singolare costruzione risalente al XII sec., mentre il resto del complesso è databile al XIV sec.

Era dotato tre ponti levatoi di cui solo uno si è conservato. Infine, dentro il borgo, la Chiesa di S. Marco Evangelista è la ricostruzione in stile neoclassico (1759) dell´antica pieve romanica dedicata a Santa Maria (sec. XI), di cui restano due pregevoli affreschi quattrocenteschi.

Prodotto:

è Borghetto stesso, un unicum urbanistico creato in simbiosi con il fiume Mincio.

La cosa più bella che offre ai visitatori è appunto un paesaggio naturale di grande respiro e suggestione: le acque del fiume indugiano silenziose tra anse e canneti, dove nidificano numerose specie di uccelli, tra cui i cigni, ma si agitano e imbiancano anche in piccole cascate, che fanno da sottofondo alle chiacchiere della gente, raccolte e protette dalle imponenti rocche del Ponte Visconteo.

Piatti Tipici:

Speciali al burro fuso e salvia, ma ottimi anche in brodo, i celebri tortellini di Valeggio spadroneggiano tra i primi (rigorosamente fatti a mano, si possono acquistare in numerosi pastifici di Valeggio e Borghetto).

Qui il tortellino è chiamato “nodo d´amore” perché ricorderebbe il nodo di un fazzoletto di seta intrecciato da due amanti prima di gettarsi nel Mincio.

Il fiume è protagonista nei secondi: luccio in salsa, trota e anguilla, preparati in vari modi, sono da gustare accompagnati dai vini Doc della zona, il Bianco di Custoza e il Bardolino.