Iscrizione:

|
Facebook RSS
14
04
Primavera a Palazzo Pirola

Primavera a Palazzo Pirola

08:00

Dettagli
ORARIO MOSTRE:Inaugurazione delle mostre sabato ore 18Apertura:giorni feriali ore 17-19sabato e domenica ore 10-12 /16-19ORARIO CONCERTI: ore 21INFORMAZIONI: ufficio.cultura@comune.gorgonzola.mi.ittelefono: 0295701205
06
05
Mercatino Arte e Cultura

Mercatino Arte e Cultura

10:00

Dettagli
Torna la prima domenica delmese il nostro tradizionalemercatino dedicatoall’hobbistica, artigianato,antiquariato e il nostroPASSALIBRO.   VI ASPETTIAMO NUMEROSI
19
05
SAPORI D'ITALIA VI edizione

SAPORI D'ITALIA VI edizione

fine: 20 Mag 2012

09:30

Dettagli
Torna la grande kermesse enogastronomica che porta nella nostra città i prodotti di eccellenza della cucina italiana. Presenti anche quest’anno le Pro Loco di Campo Ligure, Carignano, Guidizzolo, Usseglio e Vercelli, insieme ad un nutrito gruppo di produttori provenienti da tutta Italia.…
17
06
Due Ruote in Martesana

Due Ruote in Martesana

10:00

Dettagli
E' richiesta la prenotazione entro mercoledì 13 Giugno 2012 da effetuarsi presso la Pro Loco Gorgonzola,aperta tutti i pomeriggi dalle 15 alle 18, oppure telefonando allo 02-95301238 COSTO: €. 15 adulti, €. 10 per bambini fino ai 12 anni   Menù: Piccolo antipasto lombardo Penne all'arrabbiata o la pomodoro Fettine di lonza e salamella alla griglia Insalata di stagione Macedonia  
01
07
MERCATINI ARTE E CULTURA

MERCATINI ARTE E CULTURA

19:00

Dettagli
Vedi tutti gli eventi

FALO' DI S. ANTONIO

17 gennaio 2018
Dalle ore 20:45 alle 22:00
Presso: Via Piacenza, Via Piacenza, 13 -

Tra le tradizioni della Lombardia che non dimentica, la festa di S. Antonio Abate, protettore degli animali e di chi coltiva la terra, è tra quelle che viene ricordata con un impegno particolare. 

La tradizione dei falò è collegata alla ricorrenza liturgica di Sant’Antonio Abate, patrono di macellai e salumai, di contadini ed allevatori e protettore degli animali domestici. La ricorrenza tramanda l’antica tradizione, anche con influssi celti, quando le campagne del contado venivano illuminate da una moltitudine di falò. Le fiamme avevano un valore di purificazione ed erano propiziatrici per il nuovo raccolto. Si bruciavano anche le sofferenze e i dolori dell’anno precedente, simbolicamente.